Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
1. FILOSOFIA DEL SUONO - Claus
1.1. Il suono
1.2. La Chitarra di Luce
1.3. Nuovi metodi di insegnamento
1.4. Il ritorno della musica
1.5. Ascoltiamo insieme...
1.6. wwNw
2. ARTETERAPIA E MUSICOTERAPIA - Bruno
2.2. Arteterapia: la guarigione emozionale
2.3. Fitness dell'anima
2.4. Musicoterapia
2.5. wwNw
I MIEI OSPITI
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 BluGoa
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
10.Durante una seduta di Arteterapia

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
La piccola storia che vi scrivo è davvero accaduta alcune settimane fa ed è indicativa di quanto possa essere efficace una seduta di arteterapia per fare emergere disagi, talvolta, anche gravi.

Premetto che a seguito di quanto leggerete è in corso un’indagine per presunti maltrattamenti e violenza psicologica a danno di bambini e bambine. Dico presunta anche se ho fornito alle autorità competenti documenti molto significativi al riguardo. E’ mio dovere, comunque, nel rispetto delle indagini in corso da parte della magistratura, non fornire alcun dettaglio che possa essere di aiuto per collocare personaggi e fatti in un luogo specifico.
L’azione si svolge in una scuola elementare, in uno spazio attrezzato per l’artetrapia e la musicoterapia. Un gruppo di bambini e bambine sistemano i loro materassini illuminati da una bellissima luce azzurra. I primi suoni proposti sono quelli della pioggia, del temporale. La traccia del lavoro che svolgeremo consiste nel comunicare le emozioni che questi suoni ci fanno sperimentare. Dopo alcuni minuti, una bambina si raggomitola portando la testa sotto le braccia....delicatamente mi avvicino a lei e noto che lacrime le solcano il viso. Attendo ancora qualche istante, poi, sussurrando le chiedo se sta bene....se vuole parlare con me....lei, con un filo di voce mi dice che non vuole stare più in quella scuola....dunque io la invito a separarsi dal gruppo. Giulia (nome convenzionale) mi segue verso il fondo dell’aula. Seduti a terra iniziamo a parlare.
- Giulia, ti spaventa il temporale?
- No, però vorrei tornare a casa e non stare più in questa scuola.
- Perchè, non stai bene qui?
- No, qui ci picchiano....non solo a me....

Da quel momento inizia una specie di racconto dell’orrore. Alla voce di Giulia si unisce quella di altre bambine. Per quel giorno sospendiamo con il proposito di tornare sull’argomento servendoci di altre tecniche arteterapeutiche, anche per verificare il più possibile l’attendibilità dei fatti.

Durante l’incontro successivo, allo stesso gruppo di bambine viene proposto di rappresentare con dei disegni una loro emozione bella o brutta. Diffondiamo musiche attentamente valutate e scelte.
Una copiosa produzione di disegni conferma ed amplia moltissimo quanto temuto.
Un voluminoso fascicolo di documenti, da lì a qualche giorno sarà consegnato alla magistratura attraverso gli uffici di polizia competenti per presunte violenze a danno di minori.

Perché vi ho raccontato questa storia, nella realtà solo agli inizi e di cui, probabilmente, seguiremo lo svolgersi su qualche quotidiano nei prossimi tempi? Perché è significativo il fatto che, durante le ordinarie ore di lezione, fatti di questo genere difficilmente possono venire a galla in quanto è proprio l'armosfera emozionale specifica di interventi arteterapeutici che agevola questo tipo di "sblocchi" oltre qualsiasi timore, anche di possibili ritorsioni da parte di quel mondo adulto incurante delle sensibilità e dei diritti dei bambini e delle bambine. Le loro paure, però, si sono, per così dire, scatenate al suono di un temporale...il temporale ha creato una speciale suggestione fantasmatica che ha sicuramente acceso e, forse anche accentuato, ricordi, emozioni, sensazioni....poi il lavoro dell’operatore musicoterapeuta si è inserita con il mezzo vocale per “rassicurare” ed “invogliare” al racconto. La trasposizione in colori e narrazioni ha, in un modo, dato compimento al percorso che, data la presunta gravità dei fatti, ha oltrepassato i limiti e le soglie dell’istituzione scolastica.

Episodi di tal genere sono così tanto numerosi da riuscire davvero difficile a contarli. L’arteterapia, la musicoterapia, le tecniche dei linguaggi non verbali, possono essere di grande aiuto per portarli alla luce...dal buio di timori e paure infantili....e come un solerte e, da me stimatissimo funzionario di polizia mi diceva qualche giorno fa, un insegnate, un operatore culturale, nel momento in cui sta svolgendo le sue mansioni è anche un pubblico ufficiale e certi fatti tanto disgustosi e raccapriccianti non vanno nascosti o, peggio, dimenticati. Quando e se questa storia avrà termine, chiederò alle autorità competenti la restituzione di quei toccanti disegni per mostrarveli e commentarli. Il mio, in qualità di operatore culturale e, da sempre, difensore dei diritti dei bambini e delle bambine al fianco dell’UNICEF è anche un invito a non tacere mai, assolutamente mai, quando si è a conoscenza di episodi di violenza....anche e soprattutto se questi avvengono in famiglia.
© B.Daniele - Tutti i diritti riservati. È vietato utilizzare questo testo, anche parzialmente, senza autorizzazione.



Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui


Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui
SurjaRing
5.423 iscritti alle NewsLetter,
1.800 pagine pubblicate, visitate volte
8 utenti online
In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.